Professionalità e Competenza


Cyber Security

Sei sicuro che il tuo Business sia al sicuro da possibili, e sempre più frequenti, attacchi Informatici?
La sicurezza Informatica non può essere lasciata al caso.

Reti Informatiche

Progettazione, installazione e gestione reti LAN - WAN - WiFi
Sicurezza perimetrale
Configurazione Router, Firewall, Switch, Server Proxy

Soluzioni per il Backup

Installazione configurazione SAN e NAS
Cloud Computing e Cloud Backup

Gestione Server

Amministrazione Server, Active Directory, Yellow Pages, Server DNS, DHCP, DB Server MSSQL, SQL Express, MySql

Gestione Client

Assistenza su Client multipiattaforma, Linux, Windows, IOS e Software di Produttivita'

Adeguamenti Privacy

Vuoi essere in regola con il GDPR, il nuovo Regolamento Europeo in materia di Privacy?
Sopralluoghi e preventivi Gratuiti per adeguarti al Regolamento 2016/679

750

Clienti Soddisfatti

170

Progetti Approvati

60%

Incremento di Business

2480

Tazzine di Caffè

1

Antico Toscano

Progetti e Consulenze


News e Aggiornamenti


Outlook e gli indirizzi email in cache.

Fin dalle sue origini, come succede per tanti altri client di posta elettronica, Outlook permette di memorizzare in cache gli indirizzi email collezionati nell’arco, talvolta, di anni di lavoro.

Se aggiungiamo che la maggior parte degli utenti, per negligenza, per mancanza di tempo o semplicemente per disinteresse, non crea né aggiorna le rubriche della posta elettronica.

il risultato è che quand giunge il momento di cambiare computer o modificare il profilo di utilizzo di Outlook si apre la voragine sotto alla scrivania dell’utente. per tutti sempre lo stesso dramma: “dove sono i miei indirizzi email?”

PERSI!!

La verità è che quando si trasloca un account di posta elettronica – normale o certificata che sia – vengono trasferiti tutti (o quasi) i file di cui Outlook si avvale per funzionare: File .pst, inannzi tutto, file .ost, file di rubrica .wab, e, per chi sa come fare (rimandiamo alla sezione trasferimento manuale dei profili di Posta per mezzo delle chiavi di registro) file di configurazione .reg.

C’è, però, ancora un piccolo nascondiglio segreto in cui Outlook conserva ulteriori informazioni sull’account di posta elettronica. Lì, esattamente annidato all’interno di questi file, ci sono, tra le altre cose, le collezioni di indirizzi in cache.

RECUPERATI!!

Ma dovè il nascondiglio?

Ben nascosto e non dichiarato, come tutti i nascondigli Microsoft.

Esiste una cartella che corrisponde alla somma di tutte le nostre configurazioni e questa è:
C:\Users\%USERNAME%\AppData\Local\

dove %username% è il nostro nome utente.
Senza andare ascandagliare l’intero contenuto di quella cartella, al cui interno vi sono le personalizzazioni pressoché di tutti i programmi, andiamo direttamente in Microsoft\Outlook\RoamCache\
Più brevemente e semplicemente copiate ed incollate questa stringa in “cortana” o nella barra di explorer (“Esplora File”).

%localappdata%\Microsoft\Outlook\RoamCache

Elenco file .dat di Cache

Il responsabile della conservazione degli indirizzi “cachati” è “Stream_Autocomplete_x_xxxxx.dat”.
All’interno della cartella si possono trovare più file con la stessa radice del nome. Per capire di quale ci si deve occupare (quale copiare e quale scartare) è utile controllare la data dell’ultima modifica e la dimensione del file.

Chiaramente non sarà sufficiente copiare il file e riportarlo pari pari nel profilo di destinazione, bisognerà piuttoso convincere in qualche modo outlook a caricare questo file anzichè quello che lui si è creato di default.

In questo inganno ci sarà utile rinominare i file .dat, ma per farlo bisogna seguire queste semplici istruzioni:

  • Assicurarsi che Outlook abbia già creato il file “Stream_Autocomplete_x_xxxxx.dat”
    • In caso contrario
      • avviare outlook
      • creare il profilo di posta elettronica desiderato
      • inviare almeno una mail
  • Assicurarsi che Outlook sia chiuso, eventualmente chiuderlo
  • Aprire la cartella contenente i file .dat di cache
  • Rinominare il file “Stream_Autocomplete_x_xxxxx.dat” appena creato da Outlook aggiungendo .bak (per esempio “Stream_Autocomplete_x_xxxxx.bak”) avendo cura di conservare o di scrivervi il nome originale.
  • Incollare il file “Stream_Autocomplete_x_xxxxx.dat” di origine
  • rinominare “Stream_Autocomplete_x_xxxxx.dat” con il mome del file di destinazione.
  • chiudere tutte le finestre aperte
  • riavviare Outlook e verificare la ricomparsa delle cache degli indirizzi.

Aggiornamento per Outlook 2016 – 2019:

Per quanto riguarda office 2016 e 2019 le cose non vanno esattamente nella stessa direzione. Difatti queste due, più recenti, versioni di client di posta elettronica condividono con le versioni precedenti i luoghi in sono archiviati i file .dat, ma a differenza di questi le nuove versioni ricreano il file .dat in autonomia a partire da informazioni archiviate in zone ancora più nascoste.

Per queste ultime versioni, infatti, rimandiamo alla giuda presente nel seguente link, in lingua inglese che presto provvederemo a tradurre.

La citata guida sostanzialmente spiega che le informazioni di cache sono annidate nel file di posta elettronica (.pst o .ost) e che possono essere rintracciate solo utilizzando un programma a basso livello che ne estrapoli i contenuti.

Il programma in questione, realizzato da uno degli ingegneri della Casa madre, perciò affidabile, si chiama mfcmapi ed è gratuitamente scaricabile da questo link ospitato sil sito di github.

rimaniamo in sospeso con la traduzione e ci aggiorniamo presto.

Verifica e modifica Licenza AVG Business edition

Di seguito forniamo le istruzioni passo a passo per verificare la data di scadenza della licenza antivirus AVG Business edition ed eventualmente inserire un nuovo codice di licenza.

Passo 1: Aprire il pannello di controllo dell’Antivirus. Normalmente questo può essere aperto facendo “doppio click” sull’icona AVG presente sul Desktop. In alternativa, sulla barra degli strumenti di Windows, in basso a destra, probabilmente nascosto dietro la freccia, si trova l’icona AVG, facendo doppio click su questa, si apre il pannello di controllo: Fig. 1

Fig. 1

All’apertura del pannello di controllo di AVG, selezionare la voce “menu” posizionato in alto a destra: Fig. 2

Fig 2

Di qui si aprirà l’elenco delle voci proposte sotto “menu”. Selezionare la voce “Impostazioni”: Fig. 3

Fig. 3

A questo punto si presenta un elenco di impostazioni ove è possibile personalizzare la configurazione dell’antivirus. Dall’elenco delle voci di menù selezionare la voce “Abbonamento”: Fig. 4

Fig. 4

Nello spazio di destra della finestra Impostazioni di AVG comparirà il numero di licenza e la data d scadenza della licenza: Fig. 5

Fig. 5

Verificare che i dati riportati siano congrui con quanto effettivamente acquistato.

Qualora fosse necessario sostituire il codice di licenza AVG, semplicemente digitare il nuovo codice nello spazio “license Number” e fare click sul pulsante “attiva”. Il Programma richiederà di riavviarsi prima di accettare il nuovo codice di licenza.

M.C.

GDPR – are you ready?

Tutti sanno che a partire dal 25 maggio 2018 entrerà definitivamente in vigore il famigerato GDPR, il Regolamento Europeo in materia di Privacy e protezione dei dati personali.

Quello che, probabilmente, non tutti sanno è che, contemporaneamente sarà abrogato il precedente Decreto legislativo n° 196 del 2003 (D.Lgs 196/03), che per 15 anni ha egregiamente regolamentato la materia della protezione dei dati.

Naturalmente non sarà tutto completamente stravolto. Naturalmente chi è già in regola con il D.Lgs 196/03 dovrà predisporsi in modo da essere compliance al regolamento Europeo in tempi ragionevoli. Naturalmente il mancato adeguamento potrà comportare sanzioni anche molto onerose (fino al 4% del fatturato Consolidato Annuo o 20 Milioni di €). Ma la scelta di essere “comliance” non deve essere dettata soltanto dalla, pur comprensibilissima, paura della sanzione, rappresenta una scelta di competitività sul mercato.

Garantire la comliance ai propri clienti significa porsi in una condizione di vantaggio rispetto ai propri competitor che non garantiscono la medesia qualità e attenzione nel trattamento dei dati personali. Questo, a maggior ragione, per chi ‘maneggia’ (o tratta) dati sensibili – orientamento sessuale, orientamento politico, stato di salute ecc. –

Per questa ragione, prima che per le sanzioni, noi ci stiamo adeguando.

e Voi?

A presto sul nostro portale

www.mc-data.it

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'uso dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" ne permettete l'utilizzo.
Per maggiori informazioni e approfondimenti visitate le nostre Privacy policy

Chiudi